Salta la navigazione

Tag Archives: Arte

Una volta l’estate
La distopia di un mondo nel quale l’estate rovente continua ad avanzare implacabile è entrata nei miei pensieri.
Non mi lascerà più. Questo libro è un mondo di porte che si dischiudono sulle brillanti oscurità che ci sforziamo di nascondere agli occhi del mondo. Ma Maya non vive di maschere. Maya, la protagonista, cerca l’amore e l’accettazione delle sue contraddizioni.
Lei vuole rimettere insieme i pezzi e ritornare integra attraverso la socialità di un matrimonio con Edoardo Carducci, addirittura sposato due volte, con rito civile e religioso. Per un po’ la sicurezza del matrimonio sembra farle trovare un posto nel mondo.
La realtà però è molto complessa e di fatto il matrimonio, e la successiva gravidanza, fanno esplodere il precario equilibrio di un’anima la cui sensibilità è troppo grande per essere compressa in un ruolo.
I due si cercano e si sfuggono in un tempo sospeso che ripropone sempre la luce accecante di un torrido paese del sud, di una casa a Roma con lenzuola disfatte e sudate o di una loro precedente vacanza in Grecia.
Il tempo del romanzo è un tempo talmente denso e immobile da rendere tangibile quello che tante volte pensiamo accada in mondi paralleli. Non c’è altro che un eterno, terribile presente, in cui tutto è destinato a replicarsi. I mondi pregni di colore delle tele di Maya, in particolare “la donna con il braccialetto”, esplodono dalle pagine di carta e ci macchiano l’anima.
Sfumature di blu oltremare, rossi sanguigni e voraci, profondità che ci ricordano che la realtà che viviamo è davvero solo un velo.
L’incontro con Anya, la postina inquieta e seducente, e l’allontanamento di Edoardo in una missione di pace fanno evolvere gli incubi frammisti ai ricordi traumatici di un’infanzia vissuta sotto il segno della perdita del padre e dell’inaffettività della madre.
Maya a un certo punto perde tutto, pure il suo nome, tanto che i medici finiscono con il chiamarla signora Carducci, cristallizzata nel ruolo di giovane moglie e madre, e questo sarà la miccia che farà esplodere le contraddizioni di chi le vive accanto e non vuole lasciarla libera.
Chi vuole bene a Maya? Sicuramente i lettori. Quelli che amano le storie di persone con problemi, quelle che sembrano sconfitte e invece sono solo alla ricerca di qualcosa di autentico oltre la corporeità.
Le voci di Maya ed Edoardo sono inframmezzate da quelle di Anya, della madre di Maya, del ginecologo, dallo psichiatra che ci portano, ognuna nel loro mondo. E questa coralità che non si sovrappone ma rimane incalzante e lirica è propria dei bravi scrittori, quali sono gli autori.
Il romanzo sfugge a qualunque genere entrando in una sola categoria: quello delle cose lette che non dimentichi e che ti seguono come ombre attaccate all’anima.
Bellissimo.

Copertina Una volta l'Estate

In uscita il 30 giugno per Meridiano Zero

Prima presentazione a Roma: 30 giugno, con Paolo Restuccia e Loredana Germani, alle 18, alla Mondadori di via Piave.

Una volta l’estate è un thriller fatto di frammenti, punti di vista, luoghi fluidi.
Una postina ruba il figlio appena nato di Maya, casalinga, ex artista, mentre suo marito Edoardo, sottufficiale in missione in un luogo del Medio Oriente, è messo sotto torchio da un suo superiore. La madre di Maya sente sua figlia in pericolo, sola, incinta, nella Capitale. Il medico curante, il professor Curci, si accorge che alla sua paziente stia accadendo qualcosa di strano. Uno psichiatra, il dottor Traversi, cerca di ricomporre i frammenti del caleidoscopio che è diventata la vita di Maya ed Edoardo.
I due protagonisti si conoscono per le vie centrali della Capitale, in autobus, nei pressi dell’Accademia di Belle Arti, in un periodo in cui tutti sono in allerta per gli attentati terroristici. Si guardano e non riescono a resistersi. Di lì a poco si ritrovano ad abitare insieme a casa di Edoardo in una zona residenziale. Maya comincia presto a odiare la sua nuova vita formattata secondo le buone regole del nucleo familiare sacrificando la sua parte artistica. Ma lo sguardo di Maya rimane quello di un’artista, uno sguardo che il militare Edoardo non comprende. Per Maya i paesaggi della Capitale sono descritti come dipinti di Monet, Van Gogh, Munch, Dalì. L’ambientazione è fluida, la città diventa un luogo immaginifico, una costruzione onirica. Quando Edoardo è via, Maya incontra Anya, la misteriosa postina, che la metterà nelle condizioni di chiedersi cosa voglia davvero. Anya, che in effetti sembra non essere solo una postina, incontrerà Maya ogni volta in un luogo diverso, nei bar di periferia, nei ristoranti giapponesi nei pressi del Parlamento, nelle ricche dimore di politici e uomini illustri: strani circoli in cui Anya cercherà di dimostrare a Maya come vivere senza rinunciare.
Il bambino che Maya porta in grembo assume un valore ambivalente. Il dottor Traversi, nel tentativo di ricomporre gli eventi, traccerà le connessioni tra il piccolo Arturo, l’infanzia e il padre di Maya, morto troppo presto, sacrificandosi per salvare sua figlia. O forse non è andata esattamente così. Forse questo è solo il modo in cui Maya ha ricostruito i fatti per dar loro un senso. Edoardo, come Ulisse, capisce che deve tornare nella Capitale, da Maya. C’è ancora qualcosa che possono fare per salvarsi.

Un incommensurabile grazie di cuore a Massimiliano Santarossa e Paolo Restuccia che scrivono:

“In anni in cui troppa narrativa italiana sconta il peccato della distanza dall’impegno, a favore di un intrattenimento vuoto, Ilaria Palomba, con un atto di coraggio, a tratti estremo, narra criticamente, sociologicamente e politicamente la sua generazione persa nell’enorme mostro antimorale chiamato Italia. Una delle più nere e luminose voci, devota alla controstoria, pertanto verissima storia, degli attuali figli d’Italia.”
Massimiliano Santarossa

“Luigi Annibaldi scrive racconti che l’hanno rivelato come uno degli autori più originali della narrativa italiana di oggi, ironico, surreale, e sempre in bilico tra realismo e fantastico. In questo romanzo mette la sua voce al servizio di una storia profonda ed estrema, illuminandola con un punto di vista unico, che si rivela nelle continue piccole sorprese, nelle intuizioni, in uno sguardo che può essere soltanto il suo.”
Paolo Restuccia

 

Qui tutte le info, rassegna stampa, interviste, ect

L’Associazione Le Tre Ghinee/Nemesiache e Eleonora Pimentel
in collaborazione con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
invitano alla presentazione del libro:
Homo Homini Virus di Ilaria Palomba

hhv

 

“Una storia di passioni ossessive, cinici tradimenti, taglienti affondi ed elettiva complicità. Angelo spreca il suo talento nello spietato mondo del giornalismo. Iris cerca redenzione e sacralità nella fraintesa dimensione della body art entrambi ansiosi e tormentati da un disperato bisogno di riconoscimento. Un empatico psichiatra ripercorre la loro complice, inarrestabile caduta nel delirante abisso in cui da vittime si eleggono a carnefici. L’autenticità non risiede nella gloria, ma nel rischio che si è disposti a correre per la propria verità.”
(Recensione di Lyly Dark su TempiDispari)

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici –
Via Monte di Dio 14 -80132 – Napoli 29 febbraio 2016 – ore 16.30

Intervengono con l’autrice : Esther Basile, Rita Felerico, Maria Concetta Piacente
Coordina: Mimma Sardella
Lettura: Teresa Mangiacapra
Videoriprese: Rosy Rubulotta

info: mangiacaprateresa@gmail.com

paintinggomez

Corpi onirici
nelle cripte della memoria
squarci di identità pregresse
sono ogni essere senziente
la meta è la morte
il presente crolla
ne avverto il peso
ma sono una fenice
tra le ceneri dell’umano
rinasco nel cerchio
oltre l’individuo
verso l’esistenza.

 

© testi: Ilaria Palomba
© foto in alto di Vito Palmisani: performance di Miguel Gomez e Ilaria Palomba, l’8 ottobre 2014, a Bari, presso Federico II Eventi – Women in art.

© foto in basso di Carmen Toscano: performance di Miguel Gomez e Ilaria Palomba, l’8 ottobre 2014, a Bari, presso Federico II Eventi – Women in art.

 

opera13

 

Diventare un’opera d’arte è la prerogativa dell’uomo postumano, l’uomo ponte che si supera e sacrifica nell’oltre. Nella performamce-art sono annullati i confini tra pubblico e artista, tra artista e opera. L’immaginario fa irruzione nel reale e ne determina l’andamento. La potenza dionisiaca dei demoni si libera sotto forma di energia. Il messaggio si fa carne. I corpi strumenti. Dove l’opera è suprema l’artista scompare, come un burattinaio i cui pupazzi continuino a muoversi per volontà propria anche dietro i sipari.

Il corpo segnato, il corpo dipinto, il corpo trasfigurato, induce all’apertura verso il possibile. Un sentire diverso si fa largo nella carne. Investe i singoli corpi, come emanazioni del grande corpo che è il sociale. Là dove ogni futuro sembra spezzarsi o crollare, l’arte trionfa come una forma di nuova sacralità sotterranea. Con la pittura di Miguel Gomez io sarò un’opera d’arte ma sarò anche non io. La possibilità di non essere se stessi, uscire, mutare identità, provare l’estatica vertigine del superarsi, lenisce le ostilità individuali, quei vincoli identitari che inducono allo scontro con l’alterità. Identità e contraddizione, come unica forma di legame tra me e i molti. Quando irrompe sui corpi, la fruizione artistica, non è più appannaggio dei pochi, ma diventa potenza sociale dal basso, vettore di scambio, totem onirico. Un corpo divenuto opera d’arte è un corpo trasfigurato, aperto alle multiple identità dell’umano. Oltrepassando l’io, l’opera d’arte diventa un insieme, un sentire condiviso che dissolve le individualità, divenendo inconscio collettivo, potenziale mistico. Non possiamo più affidare il futuro all’economia, alla politica, alla burocrazia, ma, sommessamente, trovare squarci di bellezza che dal fondo ci conducano alla luce. Tutto passa per il corpo. Il corpo è un tempio, l’artista un sacerdote. Che il rito si compia!

opera20

opera15 opera16 opera17 opera18

opera2 opera3 opera5 opera6 opera7 opera8 opera9 opera10 opera11 opera12

sverginarte

My dear friends, dal 21 al 29 giugno parte il tour con Olivia Balzar e altri artisti di cui vi dirò qui di seguito. Se uno di questi eventi capita dalle vostre parti non perdetevelo assolutamente!

Sabato 21 giugno

https://www.facebook.com/sverginarte

La performer Marked Melody ha ideato:
Svergin_Arte – Arte in Azione a Torino, 21 giugno 2014 @ VARVARA FESTIVAL “Festa della Musica” – San Pietro in Vincoli

“Svergin_Arte” saranno presenti:
★ Ilaria Palomba – Scrittrice, poetessa, performer – ROMA – Presentazione del saggio “Io sono un’opera d’arte – Viaggio nel mondo della Performance Art
★Luigi Annibaldi – Scrittore e insegnante – Scuola di scrittura Omero (ROMA) presenterà il suo libro “SUSHI PIN UP” e farà ciò che vorrà!
★Olivia Balzar – Scrittrice e poetessa – ROMA
★Vega Roze Scrittrice – TORINO – Presentazione del libro “La Quadratura del Cerchio”
★ Pino Olivieri ) Scrittore – TORINO – Presentazione di STELLINE E STELLETTE
★Alan Mauro Vai di Eidos Teatro Torino presenterà la sua opera teatrale: “SARAH & LUCA – An Entropic Love Story” by NUDI – Nuovi Drammaturghi Indipendenti.

★PERFORMANCE ART ★
★by Olivia Balzar & Ilaria Palomba
★by Ilaria Palomba & Marked Melody
★MUSIC BY Fed Conti –

VARVARA FESTIVAL on fb:

https://www.facebook.com/profile.php?id=517782758297958&ref=ts&fref=ts

 

Domenica 22 giugno

Presentazione di Io sono un’opera d’arte. Viaggio nel mondo della performance art (Edizioni dal Sud), a Vercelli presso Circolino Porta Torino, corso Marcello Prestinari, 193
Presenta Olivia Balzar
Dj set

 

Martedì 24 giugno dalle ore 21

Ex-Caserma Liberata – Via Giulio Petroni 8/C – Bari

Ilaria Palomba e Olivia Balzar in: Poesia di sangue (Un rito pagano in cui entrare in contatto con la Poesia attraverso il fuoco delle candele e il rosso inchiostro del corpo) a seguire Open Read: Poesia in libertà.

https://www.facebook.com/events/1424540897824928/?context=create&ref_dashboard_filter=upcoming&source=49

 

Martedì 1 luglio dalle ore 22

Il Primo luglio a partire dalle 21, sul palco del Rainbow Bar, gestito anche quest’anno dal Gay Center all’interno della Festa dell’unità in via di Porta Ardeatina a Roma, si svolgerà il Rainbow Love reading and music. Un reading, intervallato da dj set di Giacomo Davanzo, che esprima l’amore in tutte le sue forme, oltrepassando i generi. Massimiliano Ciarrocca (prossima pubblicazione con Fazi), Ilaria Palomba (Fatti male, Gaffi), Flavia Ganzenua (La conta delle lentiggini, Caratteri Mobili), Luigi Annibaldi (Sushi pin up, Omero), Angela Botta, Giorgia Mastropasqua, Andrea Bocchia e Gino Falorni, leggeranno i propri scritti sul tema Rainbow Love. Il tema sarà l’Amore diverso, Amore senza discriminazioni.

Avete una storia di un amore diverso da raccontare? Questo è il vostro momento.
Oltre al reading è previsto un contest dove verranno letti i migliori racconti e poesie che chiunque potrà inviare sul tema Amore diverso, Amore senza discriminazioni.
Un attore, ospite del Rainbow Love, reading and music interpreterà le storie più riuscite!
Per partecipare al concorso Rainbow Love Reading, i testi devono essere inviati all’indirizzo: rainbowlovereading@gmail.com, specificando nel corpo della mail se si tratti di poesia o narrativa. Unica regola per l’invio delle opere: non bisogna superare le due cartelle (4000 battute spazi inclusi) per la narrativa e i trenta versi per la poesia. Scadenza per l’invio: 27 giugno ore 23:59.
Premio: il primo classificato per ogni categoria, vedrà il suo testo letto in pubblico da un attore e si aggiudicherà una bottiglia di Primitivo di Manduria.
http://www.omero.it/omero-magazine/segnalazioni-di-o/rainbow-love-reading-and-music/

bozza-Copertina-Rainbow-Love-Reading


locandina corretta palomba

 

 

Il 13 maggio, alle 19,00, presso la Mediateca Regionale Pugliese (Bari, via Zanardelli, 30), Claudia Attimonelli (Università Aldo Moro di Bari / Mediateca Regionale Pugliese), e Vincenzo Susca (Università Paul Valéry, Montpellier / Cahiers Européens de l’imaginaire), presentano il libro di Ilaria Palomba:Io sono un’opera d’arte. Viaggio nel mondo della performance art (Edizioni dal Sud, 2014). Durante la presentazione verranno proiettate le video-performance di Kyrahm e Julius Kaiser, due tra le artiste contemporanee intervistate all’interno del libro. A seguire una performance dell’artista Miguel Gomez (pittore e performer).

Io sono un’opera d’arte” è un viaggio sociologico e filosofico nelle viscere dell’arte, a partire dal concetto di postmoderno e post-umano, per poi intraprendere un percorso che va dalle avanguardie storiche all’underground contemporaneo. Composto di una prima parte teorica, che attraverso i seminari di Michel Maffesoli su Réalité, Réel, “Réal”, incontrano le teorie di Perniola, Bataille, Deleuze, Baudrillard; e di una seconda parte d’indagine sul campo, con descrizioni di performance e interviste ad artisti più e meno conosciuti: da Franko B a Kyrahm e Julius Kaiser, da Marco Fio-

ramanti ad Antonio Bilo Canella, e molti altri. Il saggio si prefigge l’obiettivo di dimostrare come nel sentire artistico contemporaneo le distanze tra artista, opera e fruitore siano annullate.

«Attenzione all’interiorità e all’immaginario, palingenesi di valori premoderni e tribali, naître-avec, frammentarietà e antinarratività del discorso artistico, queste sembrano essere le caratteristiche delle arti performative postmoderne. Dall’improvvisazione teatrale alla body art, dalla performance art alla gender art, c’è in ogni caso un sentire condiviso, una messa in gioco di un sentire comune, un’etica dell’estetica e una valorizzazione del corpo vissuto in maniera del tutto nuova, rispetto alla modernità. Dal piercing al tatuaggio, dagli aghi dell’artista Ron Athey alla body suspension, dal teatro della crudeltà di Artaud alla Performazione, non si può ignorare che un nuovo modo di comunicare, insieme pre- e postmoderno stia nascendo, o meglio rinascendo, e faccia di questi artisti avanguardie e dei loro corpi opere d’arte.»

Ilaria Palomba con questo saggio intende «mostrare come alcune esperienze artistiche nel campo performativo siano espressione diretta di un sentire condiviso, percorso iniziatico, religione non rivelata ma interiore, legame con l’alterità a più livelli. Queste esperienze sono diverse e utilizzano linguaggi diversi, dal teatro d’improvvisazione alla Human Installation, dalla ferita come arte e superamento dei limiti fisici di Marina Abramovic al rito di passaggio dalla vita alla morte, verso un’altra vita, dalle ritualità orgiastiche di Hermann Nitsch al viaggio nel dolore fisico di Gina Pane e Stelarc.»

ILARIA PALOMBA

IO SONO UN’OPERA D’ARTE.

Viaggio nel mondo della performance art

(2014) n. 152 pagine, illustrato a colori, ISBN 978-88-7553-186-7 – euro 15,00 (i.i.)

Edizioni dal Sud

Via Dante Alighieri, 214 – 70121 BARI

cell. 3407329754 http://www.dalsud.itinfo@dalsud.it

 

Presentazione del libro “Io sono un’opera d’arte. Viaggio nel mondo della performance-art” (Edizioni Dal Sud), domenica 30 marzo presso il Caffè Letterario Ostiense, all’interno dell’evento “Nella mia ferita sgorga il tuo sangue”.

 

© Video di Lucia Pappalardo

nellamiaferitaflyer

 

“Nella mia ferita sgorga il tuo sangue” è un evento ideato dall’artista Marco Fioramanti e dalla scrittrice Ilaria Palomba, volto a far convergere diversi approcci artistici sul tema che più di tutti rappresenta il cuore pulsante dell’arte. Ferita è qui inteso nella sua più larga accezione, non presenta un valore prettamente fisico. Ferita è il luogo più profondo del corpo sociale in cui si formano le difese ma anche le fragilità umane. È un concetto fondamentale comune a tutte le arti performative, che si tratti di ferita fisica, lacerazione della carne o ferita dell’anima, messa in scena di un disagio personale o sociale, è un rito di passaggio. Un cammino iniziatico che si struttura mediante un gioco sacro, un mettere in gioco se stessi, il proprio corpo, la propria fragilità. Gli spettacoli dei piccoli corpi rimandano al grande corpo che è la società. L’immedesimazione nel rituale iniziatico delle arti performative conduce lo spettatore a superare se stesso e riconoscersi parte integrante dello spettacolo, a guardarsi dentro e riconsiderare le proprie ferite, il proprio posto nel mondo.
La possibilità di interconnettere tra loro le ferite dell’arte apporta a questo concetto il valore aggiunto della condivisione, “compassione”, nell’accezione latina di “cum-patior”, ovvero sento-insieme. Perciò “Nella mia ferita sgorga il tuo sangue” è in realtà quello spazio dell’arte pura che trasforma il dolore in bellezza e conduce in tal modo a un’estatica liberazione, sublimando i propri vissuti in scritti, dipinti, fotografie, sculture, performance, body-art, musica elettronica. All’interno dell’evento, che si svolgerà il 30 marzo 2014, presso Caffè Letterario Ostiense, dalle 18 in poi, verrà presentato il saggio sulla performance-body-art, “Io sono un’opera d’arte”, di Ilaria Palomba (con prefazione di Giorgio Patrizi), si terranno interventi critici di Vitaldo Conte e Giorgio Patrizi e si esibiranno scrittori e performer del panorama underground e mainstream italiano.

Presenterà: Olivia Balzar.

Mostra: Marco Fioramanti, Silvia Faieta, Cristiano Quagliozzi, Damiana Ardito, Madame Decadent, Marco Casolino, Sylvia Di Ianni, Alix Rodriguez, Paolo Battista, Sara Rotondi, Silvia Valeri, Laura Paccione, Davide Bernardini, Fausto Rampazzo, Pietro Guglielmino, Edoardo Iosimi, Ester Ciammetti, Ruben Martinez.

Apertura di Marco Fioramanti
Introduzione di Vitaldo Conte

Reading:
IlSette Marco Settembre
Daniele Casolino
Fausto Rampazzo
Paolo Battista
Luigi Annibaldi
Lié Larousse
Olivia Balzar
Flavia Ganzenua
Giorgia Mastropasqua con Giacomo Davanzo in consolle

Installazioni:
Cristiano Quagliozzi e Damiana Ardito
Sylvia Di Ianni

Aperi-cena

Dj set Kilfa

 

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “IO SONO UN’OPERA D’ARTE. VIAGGIO NEL MONDO DELLA PERFORMANCE ART” (Edizioni Dal Sud)
Interviene GIORGIO PATRIZI
Lettura di ILARIA PALOMBA

 

PERFORMANCE
Kyrahm e Julius Kaiser (video)
Francesca Romana Nascè e Claudia Papini
Marked Melody
Chérie Roi, Helena Velena e Beju
Marco Fioramanti e Inanna Trillis

 

Dj set Kilfa (No Sense of Place).

Image

VENERDì 5 APRILILE 2013 ore 20.30 LIBRERIA RINASCITA VIALE AGOSTA 36 (Roma)

Performance collettiva: Ilaria Palomba, Paolo Battista, Daniele Casolino,

Luigi Annibaldi, Fausto Rampazzo, Claudia Gizzi con la

partecipazione di Damiana Ardito.

Cuori palpitanti, voci estreme di amore e rabbia, colori ciechi, musica

tattile.

Entrata libera e bar-aperitivo aperto!!!

 

DOMENICA 7 APRILE 2013 LETTI A COLAZIONE ore 11.30 LIBRERIA SCRIPTA MANENT VIA PIETRO FEDELE 54-56 (Roma)

Ilaria Palomba, autrice di Fatti male, presenta il suo romanzo e introduce i Cardiopatici:

Paolo Battista, il direttore della rivista Pastiche, è un poeta on the road come non se ne vedono da decenni, ha scritto un romanzo sulla tossicodipendenza e da anni cercava un gruppo con cui crescere.

Chiara Fornesi è una fotografa, piercer e performer, ha vissuto in giro per il mondo, imparando a contare solo sulle proprie spalle, la pelle è il suo tessuto, la sua pagina bianca, la sua tela da lavorare e incidere.

Daniele Casolino è un poeta e narratore capace di volare e precipitare, l’inchiostro dei sonetti di Shakespeare sporcando le tavole del palcoscenico, mettendo in scena un nuovo Borges vestito da Pessoa.

Luigi Annibaldi scrive racconti che hanno del mito, del fantastico, del pop, surreali come quadri, carnivori come dinosauri.

Ermione Claudia Gizzi è una scrittrice erotica e modella Alternative Goth di Milano, scrive storie erotiche e isteriche.

Fausto Rampazzo, autore di Don Giovanni Light (Bompiani), è uno scrittore di altissima qualità che svela l’uomo nelle trame di un erotismo oscuro.

Image

Oggi desidero farvi conoscere quattro potesse contemporanee i cui testi mi hanno lasciato a bocca aperta. Ho scelto una poesia per ciascuna di loro, se vorrete approfondire cliccate sui loro nomi e potrete accedere ai loro blog.

Ringrazio Mariella Soldo, Giusy Del Salvatore, Olivia Balzar e Lié Larousse.

Syntagma, 2011

Mi sento felice nel non riconoscere

i volti degli uomini che mi passano

accanto.

In questa terra sempre illuminata dal sole,

gli sguardi cercano ovunque un ritorno,

qualcosa che io non posso dare,

perché immersa nei bagliori nascosti

di un’errante solitudine

Mariella Soldo

Tratta da Fantasie Solitarie (Associazione Culturale LucaniArt)

Strano è diverso

Qualcuno ti ha tagliato una ciocca di capelli,

ha portato via un frammento della tua anima

Qualcuno ti ha spezzato le matite

geloso della tua prematura arte

Qualcuno ti ha calpestato il pranzo e

i crampi ti hanno quasi divorata

Qualcuno ha letto il tuo diario

confessando le tue paure

Qualcuno ti ha lasciata sola

dicendoti che sei strana.

Hai pianto.

Ebbene, piccola mia,

essere strani vuol dire avere qualcosa da comunicare,

vuol dire non essere vuoti,

non doversi preoccupare di maltrattare qualcuno ogni giorno

perché mille pensieri creativi affollano la tua testa

Vuol dire essere diversi,

artisti,

distinguersi per qualcosa,

una qualità, una dote che un giorno ti porteranno in alto

e una volta lassù,

i tuoi occhi saranno troppo piccoli per guardare così in basso,

dove regna la feccia insoddisfatta della propria vita.

Giusy Del Salvatore

Tratta da Chiamale come vuoi, siamo solo poeti incompresi (Aletti editore) di Giusy Del Salvatore

Poetessa

Legatemi mani e piedi

Ma non legherete la mia anima.

Non legherete il mio cuore

Con le vostre false lusinghe.

Sono una poetessa del terzo millennio,

voce dispersa

nel buio

nel vuoto

nella nebbia

di chi pensa che vada tutto bene.

Guardami mentre attendo

Che tutto crolli addosso a voi.

Olivia Balzar

Tratta da Strana come gli angeli (Albatros) di Olivia Balzar

L’Artista Madame Décadent

Lei senza muoversi la fissa,

la squadra.

Relegata

ad un angolo buio in fondo alla sala privo di passi di gente distratta,

intrasferibile

illumina ogni cosa allargandosi a dismisura.

L’ altra apparentemente assente

assiste inerme all’incanto coprendosi di poco gli occhi

con la mano sulla fronte.

In un istante la tela,

stanca del suo essere incastonata nel nulla,

si impone sull’artista.

L’artista sconcertata ed infastidita ne è attratta,

secchezza alla gola le blocca il deglutire,

l’istante dopo è in apnea,

intorno a lei angoscia,

silenzio,

vuoto.

Loro due ora, sono sole.

Il bianco implacabile è fisso su di lei.

Silenziosamente muta.

Dalle sue unghie spuntano fili di setola sottili,

ambedue le mani prima calde e mobili

si irrigidiscono legnose immobilizzando i polsi senza più battito,

volto collo e torace impallidiscono senza calore

ingrigendosi in un’unica astratta forma.

Membra d’occhio,

una di nero si ingrandisce senza tregua,

l’ altra d’ avorio con una croce al suo interno lentamente sparisce.

Una difronte l’ altra.

Una impassibile, l’ altra in trasformazione.

Poi lo struscio dei passi torna a risuonare stridulo nella sala

conformandosi in un mucchietto di esseri

fermi a fissare con le teste di sbieco il quadrante loro davanti,

apparso così,

dal nulla,

con l’ indice al centro del naso,

il pollice sotto il mento,

e un braccio semi arcuato a sorreggere il tutto,

intenti a cercarne il verso.

L’ artista è persa,

di lei non c’è più traccia,

forse ha lasciato qualche acrilica goccia di sé sotto il passo di chi è ancora fermo lì,

con la testa china,

e si sta cercando.

Io ti ho solo vista,

un momento

poi ti ho guardata in movimento.

Tua è l’ espressione come in trance

è un lembo di stoffa sottile

che brillante scivola

come saliva trasparente

quando incontra la lingua,

il labbro,

la bocca tutta,

che ti insegue inamovibile impregnando la mano,

la setola,

la ruvida tela,

e sfocia in uno sfogo di colore

impossibile da immaginare prima..

Ora ammiro la tua creatura riflessa,

ed è meraviglia.

Lié Larousse

Tratta da Viaggio di una bambina astronauta di Lié Larousse