Salta la navigazione

Monthly Archives: maggio 2014

IMG_1664

Sono Tiresia uomo donna cieca oracolo trasmetto un sentire che passa di mano in mano non mi è dato vedere posso solo sentire l’ascolto mi è dato dall’ombra onda fuoco terra aria mi portano in un luogo gonfio di respiro ho paura di dover parlare la voce non supera la trachea sono invasa dalle onde ascolto un pianoforte lontano sento il mare nelle narici Odisseo ascolta le conchiglie spiega le vele e viaggia nel sottomondo il femmineo lo accoglie e respinge una donna gravida Circe o Penelope? Un uomo dal timbro baritonale lo assale traditore tradito nelle orecchie le voci del mare il responso di un oracolo immondo traditore o tradito? Lancio di uova un cappio oggetti nel vuoto rumori ho paura del vento che questo possa dissipare il canto delle sirene dove finiscono le voci? C’è un corpo che vive si smembra diviene altro si fa tramite ossesso posseduto abitato dai molti l’io assassinato dai molti la sacerdotessa ebbra di poesia raccoglie i cocci uomini-uova invadono la spiaggia nel buio profondo compaiono occhi d’ogni sorta specchi infranti sul ciglio della tempesta cerco la donna nella nebbia e tu combatti giganti acefali luci al litio riempiono l’aria di respiro consumano la terra ruotano volti senza occhi s’impiccano uomini-coltello bambini-quarzo sirene-avorio proci traditori Odisseo nelle tenebre incontrerai la nemesi nelle tenebre Solaris Penelope in miniatura una Minerva dai mille occhi e mille arti il suono rotto di una fisarmonica arrivano a migliaia uomini-ombra vascelli fantasma onde d’aria trascinate dal vento ascolta le voci delle conchiglie torna indietro l’orizzonte è nel ventre aperto nel torace disseminato di tenebre quanti granelli contiene la sabbia? Penelope sul limitare del giorno voce di marmo divenire-mostruoso divenire-macchina divenire-cosa senti la potenza delle voci del mare senti la potenza del mare il buio è sconfinato si slabbra nelle braccia spalanca la sabbia divora il sole è lì in fondo che vedrai l’occhio è un uovo c’è un piccolo mondo caleidoscopico morirai mille volte per mille volte rinascere sulla strada di casa ti scoprirai cieco ci saranno solo braccia a raccoglierti solo braccia amiche bramate figlie dei giorni a venire dimenticherai il sapore della polvere amara il sapore debole del vino che fu acqua e fu fango e fu lava dimenticherai il sapore del divenire-meccanico dimenticherai il corpo e sarai in un istante eterno più vicino al sole là dove non esistono i luoghi i nomi le strade sarai tutte le cose transeunte e dovrai svegliarti nella tela di Penelope svegliarti senza occhi cancellare il silenzio divenire-bambino come se non ci fosse mai stato l’inverno.

 

© Ilaria Palomba

 

Un grazie infinite ad Antonio Bilo Canella, Alessia D’Errigo, Giovanni Greco, Daniele Casolino, Luigi Annibaldi, David Fiandanese.

locandina corretta palomba

 

 

Il 13 maggio, alle 19,00, presso la Mediateca Regionale Pugliese (Bari, via Zanardelli, 30), Claudia Attimonelli (Università Aldo Moro di Bari / Mediateca Regionale Pugliese), e Vincenzo Susca (Università Paul Valéry, Montpellier / Cahiers Européens de l’imaginaire), presentano il libro di Ilaria Palomba:Io sono un’opera d’arte. Viaggio nel mondo della performance art (Edizioni dal Sud, 2014). Durante la presentazione verranno proiettate le video-performance di Kyrahm e Julius Kaiser, due tra le artiste contemporanee intervistate all’interno del libro. A seguire una performance dell’artista Miguel Gomez (pittore e performer).

Io sono un’opera d’arte” è un viaggio sociologico e filosofico nelle viscere dell’arte, a partire dal concetto di postmoderno e post-umano, per poi intraprendere un percorso che va dalle avanguardie storiche all’underground contemporaneo. Composto di una prima parte teorica, che attraverso i seminari di Michel Maffesoli su Réalité, Réel, “Réal”, incontrano le teorie di Perniola, Bataille, Deleuze, Baudrillard; e di una seconda parte d’indagine sul campo, con descrizioni di performance e interviste ad artisti più e meno conosciuti: da Franko B a Kyrahm e Julius Kaiser, da Marco Fio-

ramanti ad Antonio Bilo Canella, e molti altri. Il saggio si prefigge l’obiettivo di dimostrare come nel sentire artistico contemporaneo le distanze tra artista, opera e fruitore siano annullate.

«Attenzione all’interiorità e all’immaginario, palingenesi di valori premoderni e tribali, naître-avec, frammentarietà e antinarratività del discorso artistico, queste sembrano essere le caratteristiche delle arti performative postmoderne. Dall’improvvisazione teatrale alla body art, dalla performance art alla gender art, c’è in ogni caso un sentire condiviso, una messa in gioco di un sentire comune, un’etica dell’estetica e una valorizzazione del corpo vissuto in maniera del tutto nuova, rispetto alla modernità. Dal piercing al tatuaggio, dagli aghi dell’artista Ron Athey alla body suspension, dal teatro della crudeltà di Artaud alla Performazione, non si può ignorare che un nuovo modo di comunicare, insieme pre- e postmoderno stia nascendo, o meglio rinascendo, e faccia di questi artisti avanguardie e dei loro corpi opere d’arte.»

Ilaria Palomba con questo saggio intende «mostrare come alcune esperienze artistiche nel campo performativo siano espressione diretta di un sentire condiviso, percorso iniziatico, religione non rivelata ma interiore, legame con l’alterità a più livelli. Queste esperienze sono diverse e utilizzano linguaggi diversi, dal teatro d’improvvisazione alla Human Installation, dalla ferita come arte e superamento dei limiti fisici di Marina Abramovic al rito di passaggio dalla vita alla morte, verso un’altra vita, dalle ritualità orgiastiche di Hermann Nitsch al viaggio nel dolore fisico di Gina Pane e Stelarc.»

ILARIA PALOMBA

IO SONO UN’OPERA D’ARTE.

Viaggio nel mondo della performance art

(2014) n. 152 pagine, illustrato a colori, ISBN 978-88-7553-186-7 – euro 15,00 (i.i.)

Edizioni dal Sud

Via Dante Alighieri, 214 – 70121 BARI

cell. 3407329754 http://www.dalsud.itinfo@dalsud.it