Skip navigation

Monthly Archives: settembre 2013

violentati_ila

Ultimamente penso spesso alla morte nonostante le cose sembra non stiano andando particolarmente male, salute esclusa. Dedico molto tempo alla lettura, sicuramente leggo almeno il doppio, in termini temporali, di quanto io scriva. Talvolta vengo invitata a presentare libri di racconti in alcuni festival, come ad esempio questo week end, a Zibello. Devo dire che non è esattamente il genere di festival che mi esalta, dato che si trattava per lo più di letteratura erotica, ma mi sono divertita. Poi ho rivisto un’amica con cui tenevo a chiarire strane e ambigue storie rimaste in sospeso. Domenica ho vagato per Parma con un trolley, tra corso, trattorie e Gallerie d’arte viste solo dall’esterno a causa della mancanza di pecunia (che ultimamente sembra non essere un problema solo mio). Poi ha cominciato a piovere. Ho comprato un ombrello usa e getta da un tizio credo senegalese. Ho lasciato la mia amica e il suo ragazzo e ho fatto una corsa pazzesca sotto l’acqua che cadeva a fiotti, verso la stazione. Mi sono rintanata sotto il tetto dell’ingresso principale. Ho guardato furtiva la gente. Taluni mi sembrava di conoscerli, anche se così non era. Il gruppetto di raver o punkabbestia di seconda generazione, lui pirsato su tutto il viso, lei con i capelli di duplice colore e gli occhi mezzi chiusi, altro lui con maglietta da giocatore di baseball sbracciata mentre tutti gli altri cercavano di coprirsi dalla bufera. Chissà perché in un’umanità vasta e piena di gente noto sempre e solo quelli che mi ricordano la mia adolescenza.

Ho atteso un’ora il treno e poi ho atteso più di tre ore che il treno partisse. Una jappa niente male faceva strillare il suo iPhone mentre era intenta in un game il cui suono ricordava pacman. Una bionda jeans di marca strappato apposta e capelli laccati, non faceva che fissarla. Io ho distolto pochissimo lo sguardo dal libro, nella fattispecie Ultima fermata a Brooklyn, regalatomi da Paolo durante una strana serata in giro a sbevvacchiare pessimo vino per chiostri di San Lorenzo. A tratti mi addormentavo. Non m’importava quasi nulla della mia sorte ma l’ansia tachicardica torceva il petto e un vago senso di vuoto e angoscia pervadeva gli istanti dilatati nell’indifferenza. Di tanto in tanto alternavo la lettura con telefonate a Lupo e risposte furtive a mio padre che nel mentre seguitava a farmi bilioni di raccomandazioni telefoniche su pullman e altre possibilità di viaggio. Di tanto in tanto ancora inframezzavo la lettura di Hubert Jr. Selby con un racconto dalle venature feticiste e fantascientifiche di Ermione e Cappi. Di ora in ora, sollevavo lo sguardo verso la pioggia che sferzava il finestrino e aspettavo che dio stesso mi dicesse cosa diavolo stessimo aspettando tutti fermi su quel fottuto treno che non partiva. Da postazioni altre, situate alle mie spalle, provenivano voci che blateravano roba su fulmini che hanno distrutto la stazione di Modena e pullman la cui capienza impedirebbe a tre quarti della gente su questo treno di raggiungere la propria destinazione. In tutto questo la mia assoluta indifferenza di fronte alla mia sorte era a dir poco patologica.

Ricordavo fram di realtà della serata precedente. Discorsi su dominazioni e sottomissioni. Dichiaravo silente al mio ego che l’erotismo non avesse nulla a che fare con la letteratura erotica. Sopprimevo facili giudizi sull’umanità nel suo insieme. Agognavo elettronici bit a scandire il mio non tempo. Assumevo xanax per spezzare il mio senso di non appartenenza. Ascoltavo proposte indecenti profilarsi con assoluta semplicità di fronte al rossore delle mie guance. Maledicevo Lupo per non avermi accompagnata. Dichiaravo agli slave di stare molto attenti alla parola amore, in quel caso vagamente unidirezionale. Non vi aspettate che una persona vi ami se può fare di voi ciò che vuole. Ritornavo in graziosi bed and breakfast incontrando uomini fradici di bananino offerenti bicchieri della mezzanotte con abbordo annesso e mio tentativo di dirottare il rimorchio verso l’acquisto di uno dei miei libri. Ascoltavo fragili doppi sensi rompersi sulla cresta del bicchiere. Ascoltavo l’urlo dei miei bronchi asmatici buttarmi via da quel giardino. Camminavo verso le lenzuola e vedevo sagome di uomini fradici attraversare la mia stanza per giungere in bagno. Nascondevo il capo dentro le lenzuola. Sognavo incubi di mura altissime e omicidi casuali. Sognavo di libri abbandonati dalle cui pagine emergevano mostruosità zombieformi. Sognavo incubi di malattie infettive incurabili. Mi svegliavo alle otto di mattina sputandomi addosso i polmoni. Mi lasciavo accompagnare nella Piazza di Zibello col teatro e il porco di porcellana cui la mia amica ha cleptomanicamente rubato la coroncina.

Poi i ricordi si spezzavano nel solito e stridulo senso di non appartenenza. Ricordavo frasi psicanalitiche: la depressione non è data dalla tristezza ma dal cessare degli istinti vitali: fame, sete, sonno, desiderio. Rispecchiavo la mia apatia in autodiagnosi da DSMV. Sgranavo gli occhi per ingravidarmi del mondo circostante per cessare di introspezionarmi fino a distruggermi per cessare la frammentazione degli specchi d’io narciso. Temevo ogni cosa eppure ogni cosa mi scivolava addosso insensibile. Priva di qualsivoglia empatia. Priva di qualsivoglia emozione. Dopo quattro ore il treno è partito. Un napoletano mi ha chiesto di dove fossi, poi è sceso a Reggio Emilia. Sarei dovuta scendere a Bologna per cambiare treno e prendere la coincidenza con Italo ma si dà il caso che dopo quattro ore di attesa e un mal di testa manco mi stesse gridando Sid Vicious nei timpani da tempo immemore, io non avessi alcuna voglia di aspettare altre tre ore nella stazione di Bologna per prendere poi il mio treno Italo low-cost, che manco ti puoi cambiare il biglietto. Così eccomi senza biglietto su l’intercity 3620, partito con quattro ore di ritardo, verso Roma Termini. Ecco il controllore che vedendomi intenta nella lettura ha quasi timore a disturbarmi e guarda il biglietto del regionale Parma-Bologna mezzo nascosto da un paio di libri e una bottiglietta d’acqua. L’ho già visto il biglietto, vero? Un attimo di suspense e poi naturalmente sì, certo, e continuo a leggere. E poi fino a Roma leggo. E mi sento meno apatica, più partecipativa, come se la realtà potesse sfiorarmi solo attraverso i libri.

Arrivo a Roma Termini all’ora esatta in cui sarei dovuta partire da Bologna. Chiamo Lupo che non vedo affatto lì al binario. Non c’è linea. Mi inoltro in un sotto passaggio. Raggiungo una zona assolutamente deserta e amena della stazione Termini. Lupo mi richiama. Dove sei? In stazione. Sì, ma dove? Non lo so. Cosa vedi? Binari. Poi? Treni. Al diavolo, poi? Dei minchioni che camminano con le valigie! Cristosanto, allora cerca di raggiungere la libreria, ci vediamo lì.

E quando c’incontriamo il ghiaccio si scioglie, le barriere crollano, anche se solo per un momento, il governo è caduto e la Roma ha già segnato un goal.

Sembra sia andato tutto bene eppure ancora nella notte mi torco e prendo qualunque farmaco esistente per placare la tosse ma comunque non si placa e mi faccio tre dosi di antistaminico e poi stamattina mi sveglio male e ho ancora troppo sonno. Il ventre si irrigidisce, si gonfia. Sto di nuovo male e non posso uscire di casa e tutti i miei programmi vanno a puttane. Sono le 13:19. È buio. Ancora non respiro, ho dolori addominali simili a pugnalate. E c’è la tempesta fuori. Il deserto dentro. Ma va tutto bene.

© i. p.

foto di Ermione

Image

Fatti male” vuole essere uno sguardo narrativo non moralistico su una società che rotola su se stessa, vive di notte e danza sulle rovine dell’umanità. Marco e Stella sono espressione della liquidità dei rapporti postmoderni, della guerra tra i sessi, dell’aridità emotiva di una generazione che si trascina in un limbo tra indifferenza ed estasi. Stella è una Justine post-moderna, non soltanto vittima ma anche un po’ carnefice. Il narcisismo, essenza stessa dei nostri tempi, non va criminalizzato ma ritratto per quello che è. Ogni criminalizzazione porta all’innalzamento del crimine. È risaputo che a scuola, per esempio, i ragazzi meno bravi diventano delle vere belve se criminalizzati e stigmatizzati, invece producono risultati se si permette loro di mettersi in gioco. Nel mio libro ho coinvolto centinaia di persone, alcuni esperti lettori, altri si affacciavano per la prima volta alla lettura e di ciò sono entusiasta.

Il narcisismo nasce da una ferita, criminalizzare significa dilaniare la ferita stessa e fare in modo che degeneri in infezione. L’unico risultato che si ottiene in tal caso ha a che fare con la rivolta spietata. Altrimenti si può imparare a mettere da parte il moralismo e provare ad avvicinarsi a ciò che non si conosce e spaventa, senza pregiudizi, in grado invece di apprendere dalle forme di socialità più tribali una modalità esistente che è sottesa in ogni forma di rapporto umano. La cecità produce soltanto vana illusione. L’illusione del bene assoluto conduce alla banalità del male, per citare la Arendt, al nazismo. La biopolitica è l’essenza della nostra epoca: agire sui corpi, normalizzarli e anestetizzarli. Fatti male è un grido che si leva da corpi che si ribellano al nazismo biopolitico che tutti viviamo. 

© Ilaria Palomba

la musica ha accompagnato ogni istante mi sono librata in paraedoliche orge musicali avevo solo diciassette anni e ancora non conoscevo il sapore della consapevolezza mi sono ancorata al battito di una cassa dritta eravamo così belli noi in viaggio per milano davvero poco io ricordo quelle notti erano ancestrali avevo degli amici e forse anche una relazione di pseudoamore con uno dei miei amici che s’illudeva di salvarmi dalla mia autocrocifissione così partivamo su questo largo treno ubriacandoci di vino e hashish aspettando l’agognato oltre era tutto qui e ora tutto sinotticamente vivo scivolavo su ansiogeni chilom assumevo lorazepam tegretol valium e derivati oppiacei di vario genere m’illudevo di essere nel regno della libera scelta m’illudevo di essere parte di qualcosa non ricordo come arrivai a quella festa tutto quel che ricordo sono i volti degli astanti miei presunti amici immaginate un george harrison giovane immaginate uno spud trainspotting style meno sfatto e più figo immaginate una pink postpunk immaginate una pamela morrison vestita da eminem (quella ero io) la notte milanese del capodanno di nove anni fa in piena notte glaciale cercavamo indicazioni per il rave di capodanno alla ex pirelli optammo alla fine per un taxi avreste dovuto vedere l’espressione del conducente quando ci vide scendere in quel cumulo di macerie tra migliaia di teste rasate e dread e piercing e camper prima di allora probabilmente non aveva mai visto nulla del genere lui entrammo lentamente ogni passo rimbombava nell’aria le pareti di questa fabbrica erano immani sembravano loculi mortuari o piramidi rovesciate la notte s’infilava nella pelle la musica era rumore condensato stato adrenalinico puro endorfina liquida sparata dritta in vena non m’importava uscirne viva stavo entrando nella bocca dell’inferno sarei stata risucchiata dal rumore ora lo sapevo facevo parte della seconda generazione raver non quella anni novanta della gioia di vivere estatica spensieratezza musica vitaminica culi stratosferici muscoli laccati pantaloni lucidi abiti fluorescenti e capelli colorati da effimere bombolette spry no io mentre entravo nella bocca dell’inferno sonoro tra camper fumanti pusher a ogni angolo venditori di pizze funghi e paste io a ogni passo mi avvicinavo alla decadenza e mi piaceva fottutamente niente abiti fluorescenti solo creste dread e piercing qualche tintura scolorita il nero predominava su tutto larghe felpe numerate e larghi pantaloni sdruciti di una bellezza deforme le anime là dentro danzavano era l’ade mi sarebbe piaciuto rimanerci per sempre dimenticare l’hic et nunc i prometeici studi i volti familiari perdermi agognavo tra le fauci del sottomondo le casse erano muri incompresi di suono deforme le persone erano ombre confuse piatte come schede telefoniche a una sola dimensione abbiamo danzato l’intera notte in botta di anestetici per elefanti abbiamo attraversato scale mobili lucenti e dismetriche altalene sospese nel buio ricordo il mio amico di allora spaventato di fronte al mio non riconoscerlo ricordo un uomo scheletrico e sfatto al nostro fianco tra odore di cenere e plastica bruciata raccontarci di coma k e viaggi di sola andata era caronte ricordo le parole dello scheletrico uomo lasciala perdere quella roba diceva a volte avevo paura di non essere corpo e insieme ciò mi donava un brivido ero tutte le cose transeunte immanentemente viva e morta eternamente sospesa tra i due mondi mai dentro mai fuori sospesa in un limbo psichedelico ricordo spud raccontare di aver visto le porte della percezione dopo due trip e tre pasticche mescaliniche ricordo di aver ritrovato un mio amico d’infanzia all’alba nella neve e di non aver provato freddo alcuno ricordo george harrison reggere la testa a un uomo smadonnante in grida paraboliche contro l’esistenza di dio mentre ne vomitava l’essenza ricordo i loro volti e poi non li ricordo più avevo diciassette anni e credevo che sarebbe stato bello vivere l’eterno nella musica ancestrale era rumore vivo divino che copriva le grida del mio passato avrei vissuto danzando nuda in tutto quel rumore per annientare la paura di vivere avrei danzato nuda tra le rovine rasentando la maledizione dell’eterna giovinezza per prostrarmi ai piedi dell’idea beatificata di me stessa avrei scopato di folle libido con tutti loro senza tregua per innamorarmi estaticamente di me ancora e ancora e ancora ma così non fu quegli anni furono esasperanti per quanto io mi dividessi da tutto e giorno per giorno mi cresceva dentro il demone dell’assenza non fummo mai l’agognata famiglia di cui mi ero illusa io ne restavo fuori e man mano che gli anni passavano ero sempre più fuori e rimpiangevo quel giorno nel tentativo palingenetico di rivivere quel capodanno milanese nella neve di un rave party devastante e oggi sono qui a raccontarlo con grumi di rimpianto nelle papille gustative ho preso parte a innumerevoli raduni party rave tecnival ma ogni volta era peggio ogni volta mi sentivo in quel limbo mai completamente sulla terraferma mai completamente nell’inferno sempre a un passo da tutto e da tutti quando passo accanto a quella gente nessuno di loro più mi conosce e mi sento estranea una non iniziata e insieme vampirizzata da un mondo che ha fatto parte per dieci anni di me mi sono illusa che avrei creato demiurgici universi a occhi chiusi nella danza estatica di giorni e ore e tempi indistinti mi sono illusa di essere parte di una tribù mi sono illusa di essere come loro e tante e tante volte mi sono illusa di essere parte di qualcosa ma ora so che non è vero non è mai stato vero io nella mia danza ero sola e sola sono ancora la mia weltanschauung collide con quella di chiunque a volte mi sono chiesta cosa sarei stata se non avessi sprecato dieci anni della mia vita a illudermi di allucinata bellezza e atroce musica fuori dal tempo probabilmente sarei diventata una qualche forma umana alternamente condivisibile o forse no sarei stata come sono divisa ovunque un’ombra silenziosa scarnificata dai gesti forse è questa la mia essenza l’ottundimento non è facile starmi accanto e per me non è facile stare accanto agli altri ma le cicatrici che ho sulla pelle sono la mia forza la mia storia la mia unicità un ritratto sublime incastonato nel corpo e questo senso tragico con cui vivo ogni esperienza è per me in verità fonte di gioia estrema in ultima analisi coincide con la mia estasi.

© i. p.

Image

PARTE I

sono le 03:45 del 1 settembre 2013 il sonno tarda ad arrivare fuori per strada il vociare di genti a me ignote nel mio letto vivide rose piccoli frattali le paure mi assalgono demoni possedendo le mie ore come fossero di latta solida consistenza che beve il tempo corrode il corpo attimo dopo attimo vorrei vivere a cinque sensi ma la paura mi blocca è un piccolo mattone nel torace che man mano si fa sempre più grande sempre più grande sempre più grande pesa nel petto e frastaglia pezzi di me contro natura e ti guardo dormire amore mio e sento di non aver avuto mai nulla di così prezioso e mi sento morire all’idea che il nostro presente possa divenire abitudine e voglio fuggire e sento le voci che sono pezzi di me contro natura che sussurrano mi sento morire si chiudono i bronchi e comincio a tossire troppo stanca per alzarmi e troppo sveglia per dormire mi manchi amore mio mentre chiudi gli occhi e mugoli nel sonno ti guarderò respirare ascolterò il flusso ne carpirò l’odore lo catturerò nella mia pelle prima di uscire di casa in piena notte scalza cedendo al desiderio di abbandono quello che spinge per uscire quello che grida dentro tradimenti lunghi un’infanzia sento le pareti tremare mi manca la grecia amore gli attimi spensierati e antieconomici l’atarassia dell’istante le canzonette improbabili in alfabeti cirillici le rovine di civiltà che mi distano millenni medievali castelli a pelo d’onda sospesi su tramonti rosso sogno nell’aria di un irraggiungibile altrove e poi monemvasia le rocce a picco sul mare la scalata il mio affanno asmatico per salire sin là su e le tue mani così calde se vuoi possiamo fermarci no ti prego non voglio fermarmi contro natura salire fino al punto in cui le stelle sono sotto possiamo calpestarle senza pari gridare urla trecento questa è sparta mentre siamo a mistrass e sciami di francesi aleggiano parlottando aritmci mi sento precipitare qualcosa si agita nel petto cosa cerchi in grecia mi chiedevi tutto rispondevo e aspettavo la notte per inforcare le unghie nella tua carne spingerti più dentro guardarti godere rubarti l’odore con la guancia destra poggiata sul tuo petto ruvido da uomo che è amante e padre nemico e angelo sentire tutta la storia sul tuo petto mentre vieni dentro e io ti stringo fortissimo per non farti respirare black out avrei voluto tutte le notti rubare ogni stella del firmamento per te ma le guardo morire piccole fette di cuore poco per volta si sgretolano e non so cosa mi accada vorrei essere ancora lì ma non è questo è altro la vita che mi scorre via mentre sei su di me dentro e fuori non voglio ricominci la giostra il mio non vivere qui e ora diranno che sono stati tempi difficili ma la verità è che non c’ho nemmeno provato e questo mi strazia amore il saperci poi così diversi tu così pronto alla vita io così divisa di spada tagliata perfettamente doppia c’è qualcosa là fuori? comincio a dimenticarmene e sono stanca di vedermi allineare istanti contro natura io contro natura vorrei rimpicciolire fino all’utero.

IMG_7214

PARTE II

vi osservo io voi da un punto distante dello spaziotempo e la vostra funzionale esistenza mi rende fobica me ne sto in disparte in un quartiere residenziale di roma sai che è roma solo perché ci sono parchi e quel tipo di chiese moderne che vorrebbero scimmiottare il paleocristiano ascolto smells like teen spirit come avessi quindici anni ricordo il rosso dei capelli di sbighi mentre io e lei intente a fumare del tetraedrocannabinolo esalando hashish dalla finestra di casa sua usciva il fumo così onesto a detta sua e i miei occhi si perdevano sulle smagliature dei suoi seni che trovavo così sexy la vita vissuta sempre riesco a trovarla seducente e leggo e rileggo i brani più poeticoerotici di tropico del capricorno immagino come sarebbe stato scoparsi henry miller o cosa avrebbe pensato lui della mia fica come l’avrebbe descritta mi ritrovo con le mani giù forti nell’elastico degli slip laceri e poi grida fino all’orgasmo mi chiedo se ci sia mai stato un me un corpo fuori dal corpo leggo essere e tempo e poi stoner e rileggo zarathustra e poi usciamo con abiti greci io e sandali troppo alti con cui non riesco quasi a starti accanto ricomincio a cadere sulle pagine facebook la consapevolezza del margine l’origine dell’esclusione assumo antistaminici evitando accuratamente gli antipsicotici evitando accuratamente gli stati border che spesso mi sono stati diagnosticati mi nascondo nel tuo corpo come una bambina dietro la gonna della propria madre ascolto trentemoller una volta dopo l’altra fino all’implosione dei legami nucleici ascolto mia madre che parla con tua madre ti prendo la mano sotto al tavolo le mie dita disegnano cerchi concentrici nei tuoi palmi la stringi forte questa mia mano scappiamo ti dico scappiamo con i miei occhi scappiamo rientro nei ranghi negli impegni riprendo i contatti leggo notizie siriane in cui si prevedono guerre cui mi prevedo manifestare contro mi prevedo sconfitta leggo notizie su notizie mi preparo a implodere mi preparo a esplodere portami via scappiamo da cosa mi chiedi da tutto tutto questo possiamo fuggire da tutto miky? sono la tua mallory ti prego prendi il porto d’armi andiamo in giro a sparare a zero su tutti assumiamo soltanto psilocibe amminoacidi lisergici ti prego una strage non sopporto più la vita voglio fare fuoco su chiunque rapire ragazze innocenti e legarle al letto non riesco più a sopportare la vita che scorre l’ordinario contiene il germe dello straordinario partenogenesi del divino io e te siamo potenziali assassini questa vita io vorrei un piccolo camper e due calibro 38 fare fuoco su tutto mandare a monte la triade hegeliana che c’imprigiona abbiamo vissuto in ogni tribù postmoderna e ne siamo stati sputati fuori come frutti acerbi e ora siamo troppo marci per poter un giorno maturare non conosco vie d’uscita ho vissuto solo un’infanzia negata non conosco tutto il resto e non m’importa l’idea di essere incastrata in questo corpo sociale mi nausea quasi quanto l’idea di essere incastrata in questo corpo umano noi non abbiamo un corpo noi siamo un corpo diceva mio padre lo dice ancora ecco poi lui è quel quid sovrasostanziale sangue del mio sangue l’unico che può farmi sentire fiera di me fiera di me fiera di me e tu sei qui anche se non posso vederti vorrei scriverti lettere lunghe addii e continuare il viaggio anche senza di te ricordo l’altro giorno nel salento a san foca o giù di lì ci siamo inoltrati su spiagge notturne di stupidi indierock e trovavo l’umanità così ripugnante ma io non sono cattiva solo non concorde disturbo narcisistico di personalità a sfondo antisociale ami tuo padre? allora non sei antisociale eppure sto così male con gli altri il restante resto di niente non ci sono paesaggi qui dentro se non quelli del mio odio vedevo sulla spiaggia non c’era altro che il desiderio sospeso nell’aria immenso infinito desiderio e insieme anche orrore meccanicistico incredibile quanto tutto possa riassumersi nella negazione tutto è libido gioco l’erotismo risiede nella modalità della negazione nel non coito mi piacerebbe giocare ancora e mentre ti confessavo queste cose fissavi il mio mojto ancora non vuoto e rincorrevamo righe bianche e i tuoi occhi erano così tristi credevi di non bastarmi ma non era questo che intendevo così ti ho trascinato via da quel ruvido sito di deplorevoli indie fashion e ti ho trascinato su una pista ignorante come dite dalle tue parti nel lido accanto una festa electro beat con numero dieci invitati e noi al centro pista genti partenopee intorno mi muovevo spasmodica altamente consapevole della perfezione sferica dei miei fianchi come la bambola del testo dei no braino siamo scesi giù all’alba è il sole a rovinare le notti infausto stupratore di lune stregatte il giorno dopo abbiamo brindato con vino greco e amici tedeschi nel vespaio della veranda non ti posso offrire non ti posso dare una famiglia felice e una casa al mare ci siamo ritrovati a rincorrere la pioggia in città bianche sali scendi su gradini dopo torre guaceto scappavamo a ostuni e i miei piedi erano così zuppi di pozzanghera che avrei potuto tagliarmeli abbiamo assaggiato gelati al lampone rossi come i capelli rossi della mia adolescente amica del liceo al lampone erano i suoi baci di quel lampone purissimo e fulgido fuori dal confine ho avuto un tale singulto di bellezza mentre la città in festa illuminata e la banda suonava e deglutivo lampone tra sguardi silenti di verità aleteia venute fuori da apparentemente innocui giochi di amore e fuga abbiamo osservato poi la notte dall’auto e ancora trentemoller apparat kalkbrenner e knife che gran bella musica ascolti dice tom e poi siamo saliti e mi sono guardata dentro e ho visto la mia casa sgretolarsi con i canneti che cadevano e una tormenta di vento che mette le onde in subbuglio e la notte un’altra notte ci è passata alle spalle e ha dormito sulle prime luci violacee ho letto di velocità e lentezza milan kundera e politici ballerini ho rivisto i miei giorni il mio paese la mia condizione il mio non lavoro la mia diagnosi ho guardato con tom e mari e tra le tue braccia l’ultimo giorno di mare e sole nascosto da fameliche nuvole dagli occhi cerchiati vespe e serpenti piccole bisce nere nel letto ho sognato lunghi cobra sbranarmi ho tremato lasciandomi avvolgere dalle tue braccia penetrare come fosse la prima volta e ho pensato a henry miller mentre si masturbava e la sua amica che si sgrillettava un po’ anche lei e gli piomba in stanza e lo trova a darsi da fare su e giù con la mano e lui desidera solo che lei ci si sieda sopra e pensavo a lui e anais nin che ci davano dentro alla grande e ti ho scopato amore come se fossi stata tutte le donne della letteratura e ti ho bevuto fino all’ultima goccia mentre eri tutti gli uomini della storia e ho letto di superomismi nietzscheiani fai pace con la natura perché la natura è la tua grande madre assassina ed è questa la mia patologia io sono un’elettra potenziale scopa tuo padre uccidi tua madre la natura io la odio sto malissimo nella pelle si formano microfratture sono allergica a qualsiasi forma di vita le vespe mi fanno gridare forte e i serpenti mi fanno orrore solo l’orgasmo mi libera dal male amen credo che dio sia la somma di tutti gli orgasmi della terra ho una gran voglia di sotterrare la paura nella pelle tra le cosce lasciandomi sgrillettare immaginando orge enormi copulazioni sulle spiagge di dioniso perché non restiamo qui ti ho proposto mentre in una corsa contro il tempo accompagnavamo i nostri amici tedeschi alla stazione di lecce vuoi restare in salento eri perplesso poco convinto dell’idea no intendo in un non luogo davvero natural born killer sfanculiamo la società civile quella cosa che dà nomi alle cose sfanculiamo il logos viviamo qui nel tropico del delirio vieni con me baby solo musica da urlo viviamo in una macchina un paio di pistole e boom in giro per l’eternità stai scherzando certo sto scherzando però sarebbe una bomba ora sto ripensando agli istanti per me non cambia poi molto io sono soltanto una ragazzina viziata cresciuta con tutto e finita con niente e nessuno mi ha mai insegnato a campare il corpo ho dovuto insegnarmelo da sola un due tre stella ho vissuto dentro troppo dentro e ora il fuori mi sembra un enorme muro di gomma il fatto è che la realtà mi uccide poco per volta lentamente mi fa a fette sempre più sottili sto cercando di scappare ma non potrai ancora per molto dici ne sono consapevole eppure quando mi dicono di essere fuori dalla realtà mi chiedo cosa sia questa realtà cui tutti inneggiano io credo che ognuno ne abbia una generata non creata della stessa sostanza del padre a ciascuno la sua realtà e a ciascuno il suo fuori-dalla-realtà voglio plasmare la bellezza nel sussulto infinito ma so che dovrò far pace con la natura far pace con la simbolica matrigna da cui mi sento ferita.

© foto di Luigi Annibaldi
testo di Ilaria Palomba